Vuoi essere un buon leader? Parti dalle emozioni

L’intelligenza emotiva è l’elemento che differenzia un manager da un Leader.  Non si può apprendere a tavolino, è un processo introspettivo che trae la sua forza dall’acquisizione e dallo sviluppo di competenze legate all’ascolto attivo, alla resilienza, alla motivazione e alla guida.

Questo concetto mi è risultato ben evidente In un  recente intervento di formazione sulla gestione dei team, dove  ho potuto vedere gli effetti  di una   “leadership simulata”.

Nel modulo  di comunicazione assertiva, una corsista era particolarmente sorpresa quando descrivevo e facevo simulare al gruppo  modalità assertive di comunicazione. Il suo stupore,  si è poco dopo trasformato in scoramento e rabbia perchè  in quelle indicazioni rivedeva molti comportamenti del suo capo. Ma ora si rendeva conto che erano comportamenti costruiti che non avevano alla base una reale capacità di empatia, di comprensione e guida del gruppo di lavoro.

Sperimentare “di pancia” attraverso le simulazioni cosa significa essere in  sintonia con le emozioni dell’altro  per comprenderlo e creare condivisione  attorno all’obiettivo del team,  le ha fatto dare nome a quello che sentiva  ma che non riusciva bene a visualizzare: di fatto il suo capo adottava una comunicazione manipolatoria.

Il  suo capo, ad esempio, aveva strutturato un programma di riunioni e di feedback individuali, nei quali però risultava distante e incapace di recepire il punto di vista dell’altro perchè semplicemente non ascoltava. Infine concludeva  le  riunioni con manifestazioni verbali di stima e condivisione, lasciando lei e i colleghi ancora più confusi e di fatto con sentimenti di rabbia e sfiducia.

Gli effetti devastanti sulla motivazione e sulla spinta a lavorare insieme per il progetto aziendale, mi erano tristemente davanti agli occhi. Non è un  buon leader chi,  anche se possiede spiccate competenze manageriali, non possiede intelligenza emotiva ovvero:

[content_band bg_color=”#3b6e8f” border=”all”] [container style=”color:#fff;padding-top:40px”]

  • Non sa motivare sè stesso per poi motivare gli altri: non è in grado di dominare la soddisfazione di un proprio bisogno immediato per puntare a un obiettivo più grande ma più lontano
  •  Non  ha autoconsapevolezza delle proprie emozioni:  la capacità di saper riconoscere le proprie emozioni  nel momento in cui si esprimono.
  • Non ha controllo sui propri sentimenti in modo che siano appropriati nella loro espressione.
  • Non sa  sentire e riconoscere le emozioni altrui, non riconoscendo emozioni e motivazioni diverse dalle sue.
  • Non sa gestire le relazioni mixando con sapienza esercizio della leadership ed efficacia interpersonale
  • Non sa quali spinte motivazionali profonde lo guidano nell’interazione.[/container] [/content_band]

 Queste competenze si possono apprendere? In parte si,  la consapevolezza della NON competenza è il primo passo verso il cambiamento.

Eliana Pellegrini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.